Dialoghi di scultura 2

Home
Dialoghi di scultura 2


DIALOGHI DI SCULTURA 2


Aldo Ferrario Gabriela Spector Gianmarco Torriani


A cura di Luigi Cavadini


Periodo espositivo: 26 gennaio / 11 maggio 2019



Secondo appuntamento dei “Dialoghi di scultura”, ciclo di esposizioni che, nel tempo, metteranno a confronto - fra loro e con le opere esposte in permanenza nello spazio museale - artisti che si esprimono mediante proposte plastiche con materiali e tecniche tradizionali, ma anche con interventi originali che comunque abbiano a svilupparsi nelle tre dimensioni.

Questi primi Dialoghi presentano artisti che operano in Canton Ticino e accolgono lavori che illustrano la produzione recente. Una delle opere di ciascun autore, poi, viene selezionata in vista di una presentazione fronte a fronte con uno dei gessi di Gianluigi Giudici, con l’intenzione di raccontare le sensibilità diverse con cui gli artisti affrontano una stessa tematica o uno stesso pensiero.

Anche per questo secondo incontro gli scultori coinvolti operano con intenti e modalità molto personali portando ciascuno una visione propria di come la scultura possa articolarsi nell’ambito dell’arte contemporanea. Tutti e tre - pur impiegando anche materiali diversi - trovano nel bronzo uno dei mezzi espressivi più consono ai propri “racconti” e/o ai propri messaggi. L’azione di plasmare manualmente l’opera, che sarà poi trasferita nel bronzo, risulta adeguata naturalmente a immagini figurative ma anche a forme e composizioni simboliche.


Per questo secondo incontro sono in mostra le opere di:


Aldo Ferrario:

nasce a Carona nel 1944, dal 1960 al 1963 frequenta la Kunstgewerbeschule a Zurigo e lavora con lo sculture Emilio Stanzani a Zurigo e a Parigi. Dal 1964 al 1968 frequenta l’Accademia di Belle Arti di Brera a Milano e si diploma in scultura con Luciano Minguzzi. Nel 1965 è invitato alla “Internationale Sommerakademie” a Salisburgo. Negli anni 1977-78-79 gli viene assegnata la Borsa Federale per le Belle Arti. Vive e lavora a Carona, Canton Ticino.


Contatto: carla.ferrario@bluewin.ch



Aldo Ferrario, Gruppo, 1997, bronzo



Gabriela Spector:

nasce a Tucumán, Argentina, dove frequenta la Faculdad de Bellas Artes. Dopo la laurea, grazie a una borsa di studio, si trasferisce in Italia. Un “ritorno”, quello nel Vecchio Continente (i suoi antenati sono ebrei originari dell’Europa dell’Est), che le permette di perfezionare la sua formazione e le sua tecnica scultorea: dapprima presso la Fonderia Artistica Battaglia di Milano e in seguito all’Accademia di Belle Arti di Carrara.

Dal 1994 vive e lavora in Ticino e da tre anni ha uno spazio espositivo presso la Prioria della Torre a Mendrisio.


Contatto: gabriela.cecilia.spector@gmail.com



Gabriela Spector, Irina e il gatto, 2018, gesso




Gianmarco Torriani:

nasce a Mendrisio nel 1961 dove frequenta le scuole dell’obbligo. Nel 1980 consegue il diploma di Arti decorative presso il Centro Scolastico Industrie Artistiche a Lugano, prosegue gli studi a Milano dove si laurea in scultura all’Accademia di Brera nel 1984. Negli anni successivi inizia a frequentare il mondo artistico di New York dove collabora con vari artisti e partecipa a esposizioni sia in America che in Europa. È artista poliedrico, attratto da molteplici materiali e forme espressive tra le quali la scultura. Attualmente vive e lavora in Ticino.


Contatto: torrianig@bluewin.ch




Gianmarco Torriani, Sailing, 2009, bronzo